Now you see me

Now-You-See-Me-2Apro subito dicendo che questa sarà una recensione Spoiler Free, ovvero senza alcuno spoiler. Seconda cosa: ancora non ho visto Pacific Rim, ma questo non vuol dire che non sia andato al cinema. Questa volta a ricevere i miei 3 euri (grazie di esistere promozione The space!) è stato il nuovo film del francese Loui Leterrier, quello di Danny the Dog, quello di Scontro tra Titani…quello dell’incredibile Hulk con Norton, cazzo. Un omino che tralasciando la trama dei vari film che ha fatto, mi ha sempre convinto molto sotto il profilo regia pura e semplice. Il film è, ovviamente, Now you see me, o come l’ho chiamato io da due settimane a questa parte “quello dei maghi ladri”. Il trailer, infatti, ha iniziato a girare parecchio tardi, o almeno io l’ho visto parecchio tardi, e il fatto di uscire la stessa settimana di Pacific Rim non deve aver aiutato le cose. Fatto sta che il film sta comunque andando abbastanza bene. Un film che come fu per Man of Steel sta dividendo critica e pubblico. Basta un veloce giro su Rotten Tomatoes per vedere che il gradimento della critica sta al 47% e quello del pubblico a un buon 74%. Ancora una volta mi ritrovo a dar ragione al 74% e a dire che secondo me è un film abbastanza discreto.

Non sarà il miglior film dell’anno, non sarà il capolavoro che cambia la storia del cinema e non sarà neanche, probabilmente, fra i 10 più bei film di questo 2013. Ma da qui a dire che fa schifo ce ne vuole. Come facevano alcuni ragazzi all’uscita del cinema, sperando fossero tutti affermati critici cinematografici e non persone che ridono a crepapelle durante il trailer di Niente può fermarci. NYSM è un film piuttosto godibile, con una buona trama, una buona regia e capaci di farci stare un paio d’ore seduti al cinema senza pensare ad altro…sinceramente oggi come oggi non è da sottovalutare. Se avessi speso 7 euro, invece di 3, non mi sarei pentito del costo.

25077215Quattro illusionisti con spiccate doti vengono reclutati con delle misteriose carte dei tarocchi e portati in una stanza a New York. Un anno dopo si esibiscono a Las Vegas facendosi chiamare I quattro cavalieri, e tramite un elaborato trucco rapinano una banca in Francia e regalano i soldi al pubblico in sala. Il caso viene affidato all’agente dell’FBI Hulk (Mark Ruffalo) affiancato dall’agente dell’Interpol Shoshanna (Mélanie Laurent).
Il film è a metà tra Slevin e The Prestige (purtroppo non bello come i due titoli appena citati). Se c’è una cosa che mi piace, però, sono i film dove a un certo punto arriva uno e ti spiega tutto quello che è successo con un bel flashback davvero figo (come Slevin) e i film dove si parla di magia e di trucchi sono l’ideale, come lo stesso The Prestige ci ha dimostrato.

Il film non è l’originalata suprema, ma il livello della tensione è sempre abbastanza alto. I dialoghi non sono per nulla stupidi e tutto serve a uno scopo. Lo stratagemma illusionistico del depistaggio funziona bene anche nella trama e sebbene lo spettatore crede di aver capito tutto dopo 30 minuti di film, in realtà ha capito solo una parte, mentre il resto è tutto fumo ed effetti per deviare la nostra attenzione. Il problema con questo film, come con i trucchi di magia, è che bisogna crederci. Si deve staccare un attimo il cervello e lasciarsi trasportare dall’illusione, se ci si mette a scervellarsi sul trucco che è stato usato allora perdiamo la vera bellezza dell’illusione e tutto si riduce a qualcosa di ordinaria e banale. Se guardiamo il film senza stare a cercare di capire come andrà a finire, allora la pellicola ci permetterà di rilassarci e goderci un paio d’ore di spettacolo.
Ovvio che alcuni punti negativi li ha, fra cui il già citato pallino dell’originalità, o ancora l’ultima scena che ci ricorda tanto Moccia (nessuno spoiler tranquilli) e che poteva benissimo non esserci. Sono presenti anche un paio di buchi di trama, soprattutto fra le azioni che intraprende l’FBI per catturarli e credo che la vera FBI non farebbe mai, ma niente che sconvolga la storia a tal punto da renderla difettosa. Che la sceneggiatura tenga, inefetti, è una bella sorpresa visto il curriculum dei due sceneggiatori, che hanno creato essenzialmente film meno che mediocri negli ultimi 20 anni, e dei due produttori che vantano nel loro cv anche la produzione di Fringe (info utile per Alessandro che mi ha fatto notare la cosa). Che altro vi devo dire: andatelo a vedere perché a mio parere merita, ma se avete ancora qualche dubbio fra qualche giorno potrete procurarvelo anche attraverso…la magia.

Annunci

Un pensiero su “Now you see me”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...