Kick Ass 2

kickass2Dopo un piccolo stacco dovuto alla ripresa lavorativa che mi ha letteralmente macinato, riprendiamo con qualche recensione. In questa settimana ho visto e mi sono preparato a vedere una serie di film senza fine, quindi ho cumulato qualche commento che prima o poi dovrò sparare. Inziamo con Kick Ass 2, uscito un paio di settimane fa e diretto da Jeff Wadlow, regista abbastanza dimenticabile ma che con questo film ha fatto veramente un buon lavoro. Non ho capito perché il regista del primo, Matthew Vaughn, non abbia girato anche questo, ma si è limitato a produrlo, forse era troppo impegnato a spupazzarsi la moglie, Claudia Schiffer.

Il film si svolge qualche anno dopo la fine della prima pellicola. Ritroviamo Dave/Kick Ass, ormai tornato a essere un ragazzo normale e Mindy Macready/Hit Girl che almeno prova a fare la normale, ma quando può corre nel suo covo ad allenarsi. Nel frattempo l’apparizione di Kick Ass per le strade ha dato vita a una sorta di moda per la giustizia e nuovi “supereroi” appaiono ogni giorno. Intanto Chris D’Amico/Red Mist è ancora sconvolto per la morte del padre per mano di Kick Ass e nel tentativo di vendicarlo si trasforma nel primo supercattivo del mondo, Motherfucker, costituendo un suo team malvagio. Dave dovrà tornare a indossare la maschera di Kick Ass e a combattere al fianco di Hit Girl per una nuova, massacrante avventura.

Per questo film vale il concetto del primo capitolo: un film tendenzialemente molto buono, che un inizio pieno di slancio e un finale delirante, peccato per la parte centrale del film, che questa volta come accadde nel 2010, fa sembrare la pellicola un po’ troppo pesante. Purtroppo, a mio parere, ad accentuare questo lieve difetto è la volontà di riportare fedelmente il fumetto di Millar e Romita Jr al cinema, non pensando o fregandosene del fatto che cinema e fumetti hanno tempi narrativi abbastanza diversi. Il risultato finale è un inizio accattivante, uno svolgimento piuttosto lento e macchinoso e un finale esplosivo.
Ancora una volta al centro della storia, però, c’è quel particolare che Millar ha voluto inserire nelle vicende di Kick Ass: la realtà. Kick Ass, anche dopo aver ucciso D’Amico con un Bazooka non perde lo spirito con il quale ha messo la maschera per la prima volta: sconfiggere il crimine alla maniera dei supereroi fumettistici. A fare da contraltare ancora una volta c’è Hit Girl, che non si fa troppi problemi a uccidere i nemici con una ferocia impressionante, e che ci ricorda sempre che nella realtà i supereroi che seguono il codice fumettistico vengono uccisi prima degli altri, quindi è meglio colpire duro.

hit-girl-kick-ass-motherfucker-kick-ass-2-e1376640837954Ancora una volta, quindi, un buon film nonostante tutto. Mi sfugge ancora il perché del fatto che Jim Carrey (nel film Colonnello Star and Stripes) si sia pentito di aver preso parte alla pellicola. Forse per la troppa violenza presente? Beh, che dire, il falso buonismo e il politically correct ostentato mi hanno sempre fatto girare le palle, quindi Carrey può anche tornare a fare le faccie buffe che andavano negli anni ’90, visto che non fa un film degno di nota dal 2004.
Nel frattempo il duo sceneggiatore/disegnatore Millar/Romita Jr, stanno sfornando Kick Ass 3 e una miniserie interamente dedicata a Hit Girl, vediamo che ci aspetta in futuro.

Annunci

2 pensieri riguardo “Kick Ass 2”

  1. A me il film è piaciuto molto, per un istante mi è passata per la mente l’idea di iniziare a comprare il fumetto ma ne ho già troppi da seguire 🙂
    Comunque il volume su Hit Girl l’ho già visto in fumetteria!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...