R.E.D. 2

red2cb1Proseguiamo il rientro all’opera con un altro sequel e un altro film tratto da un fumetto. Dopo il divertente e a tratti truculento Kick Ass 2, ci immergiamo nel mondo dei reduci della CIA di RED 2, tratto dalla miniserie scritta nel 2003 da Warren Ellis. Anche qui, come in Kick Ass 2, abbiamo un cambio di regia e si passa da Robert Schwentke (regista abbastanza dimenticabile, che oltre al primo capitolo di questo film ha fatto veramente poco) a Dean Parisot (talmente dimenticabile da non avere neanche una pagina wiki, e che ha diretto per lo più qualche episodio di qualche serie tv). Il cambio di regia si nota sin da subito. Le “cartoline” che avevano caratterizzato il primo film della saga, per passare da un posto all’altro della storia, sono sostituite da alcuni fermi immagine in cui i personaggi prendono le forme del fumetto e che, sinceramente, non mi sono piaciuti eccessivamente come trucco visivo per il cambio scena. Ma parliamo del film.

Si prosegue con la storia dell’ex agente Frank Moses, che abbandonate le armi passa i suoi giorni con la giovane compagna Sara. Lui cerca la quiete, lei l’avventura, che torna a sommergerli con l’arrivo improvviso di Marvin/John Malkovich. Il gruppo viene nuovamente catapultato in un’avventura a metà tra lo spionaggio e l’azione che coinvolge la Russia, la CIA e l’MI6, tutti alla caccia di Moses e del suo gruppo, accusati di essere terroristi nucleari. Gag e siparietti si alternano a sparatorie e combattimenti corpo a corpo per ricreare le atmosfere del primo film.

red-2-helen-mirren-guns-trailerCome per il primo capitolo della saga, anche questo RED 2 sembra un progetto piuttosto riuscito. Un action movie per famiglie dove, ahimè, il sangue è veramente poco, ma in compenso ci si fa qualche risata e si vedono due scazzottate. Mi è capitato recentemente, inoltre, di prendere in mano uno degli albi da cui è ispirato questo film e devo dire che, nonostante i disegni non mi piacessero affatto, le storie sono molto più cruente e piene di sangue. Vedere Frank Moses, nella sua versione originale fumettistica, sparare nell’occhio di uno sgherro è sicuramente molto più d’effetto che vederlo uccidere con un semplice colpetto alla gola.

L’idea generale, infine, è che la storia fumettistica sia stata fin troppo manipolata per creare qualcosa che si avvicinasse a un family movie, più che a un action movie, stravolgendo quasi per intero la visione di Ellis e facendo imbestialire i fan della serie a fumetti. Non avendola mai letta per intero (ma potrei farlo, visto che sono solo 3 volumetti) non mi ritrovo incazzato e deluso dopo aver visto questa pellicola, ma abbastanza divertito da quello che vi accade.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...