10 film per goderti il tuo Halloween

936b271ea528339db527c9bf567ee338Lo dico sin da subito così evito fraintendimenti: non sono un esperto di film horror e spesso non mi fanno neanche impazzire. Nonostante l’aver detto questa frase in un passato post mi sia costata uno sguardo cattivo nella vita reale, continuo a credere sia così. Guardo pochi film horror, anche perché ho sempre la sensazione che la maggior parte di loro siano brutti. Per fare un brutto film basta poco, ma chi fa film indecenti di solito si getta a capofitto su questo genere, credendo che un po’ di sangue e un assassino che esce a sorpresa da dietro qualcosa basti. La mia teoria è che per fare un buon horror non devi solo spaventare, a fare quello sono capaci in tanti, ma devi costruire una storia che ti trasmetta inquietudine anche nelle sue parti “normali”, o meglio non horror. In passato mi sono nutrito di questo genere di film, anche se oggi mi dedico ad altri generi differenti e l’horror è rimasto un po’ in ombra. Detto questo, però, oggi è Halloween e tutti festeggiano (cosa che quand’ero piccolo io non si faceva, perché è una festa tipicamente ‘merigana, ma ogni occasione è giusta) e un buon film spaventevole non si nega a nessuno. Ecco quindi una classifica dei miei personalissimi 10 film horror of all time…e per l’occasione: Gif animate per tutti!!

10. Il seme della follia

Terzo e ultimo film della Trilogia dell’Apocalisse di John Carpenter (di cui troveremo un altro capitolo lungo il percorso), è forse una delle pellicole più flippanti del regista. Si racconta la storia di un investigatore privato ingaggiato da una casa editrice per ritrovare uno scrittore di libri horror. L’ispettore inizia la sua ricerca e finisce nel paese dove sono ambientate tutte le storie delle scrittore e che tutti ritenevano non esistere. Nel paese la gente è fuori di testa ed è abitato da strane creature: causa del cambiamento è l’ultimo lavoro dello scrittore che quando vedrà la luce sugli scaffali delle librerie cambierà definitivamente l’intero mondo. La tensione è alta dall’inizio alla fine della storia, che brilla per la grande originalità, nonostante l’ovvio riferimento (fatto anche nel film) a Stephen King.

09. Nightmare on Elm Street

Il maestro dell’horror Wes Craven confeziona il primo capitolo della saga di Freddy Kruger e lo fa con stile. La storia è nota ai più, si tratta di quella di un mostro armato di un guanto artigliato che invade i sogni di giovani ragazzi e li uccide mentre dormono. La strage è la vendetta di Freddy Kruger, maniaco e assassino di bambini, che anni prima era stato catturato e bruciato vivo da un gruppo di uomini e ai quali lo stesso Kruger aveva promesso che sarebbe tornato per occuparsi dei loro figli. Un classico dell’horror del 1984 che ha fatto storia e ha contribuito (momento curiosità) a lanciare Johnny Depp sul grande schermo.

08. La Casa

Primo lungometraggio di un giovane Sam Raimi, di cui abbiamo parlato spesso in questo blog. L’esempio perfetto di un B-movie con i fiocchi, che ha lanciato l’iconografia della casa di legno nel bosco ricca di misteri e paura, ripresa giusto qualche anno fa sia per il remake di questo film, sia per Quella casa nel bosco. Un concentrato di leggende mesopotamiche, demoni, trash e sangue senza pari, anche grazie alla magistrale interpretazione di Bruce Campbell.

07. Poltergeist

Straimitato e stracopiato nel mondo del cinema horror questa perla di Tobe Hooper, altro maestro del genere, che agli inizi degli anni ’80 tira fuori dal cilindro questa storia fatta di case stregate e presenze inquietanti. Protagonista della storia è la tenere e bella Carol Anne, bionda bambina che fa da tramite tra il nostro mondo e un altro vicino, abitato da creature tutt’altro che amichevoli. Grazie al suo stato di “ponte” il corpo della bambina ospita anche una presenza demoniaca, che si nutre della sua anima. I genitori tenteranno di mettere fine a tutto grazie all’aiuto di una potente medium. Un film di certo iconografico, che ha portato nel mondo la parola “poltergeist” come insieme di avvenimenti paranormali legati al mondo spiritico.

06. REC

Ormai diventato un cult movie pressoché ovunque, REC è un film a metà tra zombie e possessioni demoniache. Completamente girato in stile mocumentary, racconta la storia di una giornalista e del suo cameraman che per una sera seguono una squadra di pompieri. Il gruppo, in compagna di due poliziotti, entrerà in un palazzo in seguito a una strana chiamata, ma all’interno non c’è nessuno fuoco…se non quello dell’inferno (bello eh?!).

05. Ring

Versione originale giapponese di The Ring (remake ovviamente made in USA), è la storia di Reiko, una giornalista che indaga sulla morte della nipote apparentemente collegata a una strana leggenda metropolitana: quella di una cassetta che se vista provoca la morte in sette giorni. La stessa Reiko trova e visiona il vhs, solo per poi ricevere l’inquietante telefonata che l’avverte che morirà dopo 7 giorni.  La donna coinvolge anche l’ex marito (anche detto il Johnny Depp giapponese) e insieme scoprono la storia di Sadako, bambina uccisa 30 anni prima e autrice della cassetta e della maledizione.

04. Non aprite quella porta

Negli anni questo film di Tobe Hooper (eccolo uno che ritorna) è stato rifatto e remixato così tante volte che se ne è perso il conto. Ultimamente in versione 3D, prima ancora quello che ricordo per quel primo piano del fondo schiena di Jessica Biel, ma il vero capolavoro è l’originale del 1974. La storia è sempre la stessa, quella del maniaco Leatherface, che uccide giovani ragazzi per strappargli la faccia e indossarla, ma la tensione e il senso dell’horror che ha questo film sono sopra ogni umanità. Si salta dalla sedia una volta ogni cinque minuti, garantito.

03. Omen

Questo è quello di cui parlavo all’inizio: poco sangue, ma tanta tensione, quasi a soffocare. Il film è del 1976 e la mano è quella di Richard Donner, quello dei Goonies e di Arma Letale, ma prima di quei film si era cimentato in questo classico senza tempo. Una delle prime storie sul figlio del demonio e la sua venuta sulla terra. La cosa più inquietante dell’intera pellicola, è sicuramente il fatto che dall’inizio alla fine lo spettatore non capisce se effettivamente quel bambino sia il figlio del demonio o tutto sia frutto del “caso”. Una pellicola splendida di cui ricordo sempre con piacere la fotografia e l’incantevole storia.

02. Session 9

Film dei primi anni del nuovo millennio che mi ha messo una fifa addosso che neanche ve lo dico. La storia è quella di una ditta di bonifica dell’amianto, che in crisi nera accetta di ripulire un vecchio manicomio in disuso. All’interno dell’immensa struttura ci sono ancora gli oggetti personali dei malati. Il manicomio li costringe a fare i conti con il proprio passato, ma intanto all’interno dei vecchi nastri degli interrogatori qualcosa di poco umano sembra rinascere e cercare un nuovo ospite.

01. La Cosa

Ci risiamo, ecco che torna Carpenter e la sua Trilogia dell’Apocalisse. La Cosa è il primo episodio del trittico e forse il più bello. Protagonista è l’attore feticcio di Carpenter: Kurt Russel, che veste i panni di un esploratore al Polo Nord, la cui vita viene turbata dall’arrivo di un husky all’interno della base spaziale. Il povero cane, infatti, si rivela essere presto essere l’ospite scelto dalla Cosa, a prima vista un alieno che imita le altre forme di vita e che non è troppo amichevole. Splatter, horror e tensione in questo cult movie anni ’80.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...