Sherlock 3×03

sherlock_final_5277946_5277936Ed eccoci qua, in neanche un mese la terza stagione di Sherlock è iniziata ed è finita. Tre puntate da un’ora veramente belle e degne di nota, anche se la seconda stagione ancora non si batte. Ancora una volta il duo Moffat-Gattis si ispira a uno dei titoli dei romanzi di Conan Doyle e stavolta il libro his last bow (l’ultimo saluto di Sherlock, in italiano) diventa his last vow, immagino nel senso di “promessa”. Al contrario di come suggerisce il titolo, però, il romanzo di Conan Doyle non è l’ultimo pubblicato sul detective di Baker street, ma il penultimo. Sul fronte BBC, invece, sembra che questa terza serie non sia l’ultima, anzi secondo Moffat la cosa è destinata a durare a lungo. Anche Benedict Cumberbatch ha dichiarato di voler continuare a vestire i panni di Sherlock e considerando che al finire della seconda stagione voleva abbandonare il progetto per dedicarsi ad altro, abbiamo fatto un notevole passo in avanti.

In questa terza puntata vediamo il concludersi della corta sfida tra Sherlock e il nuovo villain della serie, Charles Augustus Magnussen. Il personaggio, come già detto nel commento alla prima puntata, è ispirato a Charles Augustus Milverton, che compare solamente in una storia scritta da Conan Doyle nelle 13 successive alla morte e al ritorno di Sherlock Holmes. Milverton è descritto nei romanzi come il “Re dei ricatti” e nella serie tv c’è poca differenza. Sin dalle prime battute, infatti, lo vediamo ergersi come un uomo senza scrupoli e calcolatore, che prende le debolezze degli uomini e le usa contro di loro. La sfida rischia di essere abbastanza epica, solo una cosa può rovinare questa puntata: le eccessive risatine, meglio conosciute come “momenti LOL” della serie.
Questo è stato l’anno, oltre che del ritorno di Sherlock, delle grandi discussioni attorno al tema: Sherlock deve/può far ridere oppure no. Se avete letto i post precedenti, avrete capito che sono uno che si schiera nel lato “ok a qualche momento divertente, ma che non siano eccessivi e caratterizzanti al punto da mutare le basi della serie”. Nelle prime due puntata c’è stato il serio rischio che gli attimi divertenti facessero un po’ “rodere il culo” (scusate il francese), ma questo terzo episodio si rituffa nel canone classico della serie, quello che ce l’ha fatta amare. Più seria, meno momenti LOL e ben dosati e un caso di tutto rispetto. Ineccepibile (magari avrei concluso il caso in maniera diversa, ma tutto sommato ineccepibile).

hislastvowLa terza stagione nel suo totale è stata veramente ben fatta, anche se si nota fortemente la mancanza di un vero filo conduttore tra la prima e l’ultima storia per quanto riguarda Magnussen, cosa che nelle prime due stagioni veniva sviluppata in maniera migliore sul personaggio di Moriarty. Ottima anche la sorpresa finale, della quale non faccio alcuno spoiler se non la megafoto che ho inserito alla fine dell’articolo e che da lo spunto per l’avvio della quarta stagione.
I colpi di scena, soprattutto nell’ultimo episodio, sono stati alla base della stagione stessa, proprio come lo è stato il “castello mentale” di Sherlock, che nelle prime due stagioni è stato nominato una volta, mentre in questa solo stagione viene ritirato fuori a ogni occasione (anche se la cosa smette di dar fastidio quando si capisce che tutto ha uno scopo). Non ci resta che aspettare l’anno prossimo (forse) per la quarta stagione di Sherlock.

sherlock-his-last-vow-moriarty-miss-me

Annunci

5 pensieri riguardo “Sherlock 3×03”

  1. Non avevo dubbi sul fatto che questo terzo episodio lo avresti preferito rispetto agli altri due! 😀
    Solo un piccolissimo appunto: in chiusura del post c’è un refuso (Sheldon anziché Sherlock). Dire che si tratti di un lapsus freudiano mi pare più che appropriato! xD

  2. Puntata più “canonica”, hai ragione. Bella, con acuti colpi di scena degni di nota ma anche col finale più brutto tra tutte e 9 le puntate fino ad ora realizzate:
    1. sto giochino di Sherlock che fa finta di essere stupido e ingabbia il cattivone di turno è l’abbiamo già visto troppe volte
    2. che un colpevole di omicidio venga “condannato” a 6 mesi di missione in est europa è verosimilmente inaccettabile
    3. che Sherlock si erga a giudice giuria è boia è scorretto non solo eticamente, ma anche narrativamente. Il personaggio di Conan Doyle non è uno stinco di santo, non ha obblighi di legge come Scotland Yard e si muove più liberamente, ma il suo senso della giustizia è altissimo e mai avrebbe ucciso a sangue freddo un uomo, anche se colpevole di chissà quale abominio (solo in un episodio promette la morte a un tizio, ma lo fa durante un conflitto a fuoco nel quale teme sia morto il suo amico Watson)
    SPOILER ON
    4. Rispolverare Moriarty. lo trovo ridicolo. Per carità, potrebbero trovare 100 spiegazioni su come sia sopravvissuto a uno sparo in bocca (d’altronde Sherlock è sopravvissuto a un volo di oltre 20 metri), ma mi dovrebbero spiegare che cavolo ha fatto durante gli anni in cui Sherlock è stato via ed è tornato a Londra. Un criminale così che resta a guardare tutto sto tempo? naaaaaa, non ci si può credere davvero. MI auguro solo che sia una enorme trollata del duo Moffat\Gatiss, non nuovo a sparate del genere.
    SPOILER OFF

    1. Concordo sul finale non proprio bellissimo, infatti nel post dico che la puntata è bella, ma magari avrei scelto un finale diverso. Innanzitutto perché Sherlock, diciamocelo, viene battuto da Magnussen, mentre mi aspettavo un colpo di coda finale che si basasse sull’intelletto piuttosto che sulla mera violenza fisica. La morte di Magnussen, però, era inevitabile visti i presupposti ai quali si era arrivati alla fine.
      Sul punto 2, invece, sono d’accordo a metà: nel senso che sì, una missione di 6 mesi per omicidio è un po’ sospetto, ma i 6 mesi di cui parla Sherlock nel finale sono quelli entro i quali Mycroft ha calcolato la morte del fratello e non la fine della missione.
      Su Moriarty: non so, aspetto la quarta stagione per pronunciarmi a pieno. Possiamo ormai dire che l’ispirazione (seppur lontana) con i romanzi di Conan Doyle finisca con la terza stagione, mentre ora entriamo in un campo un po’ più fantasioso.

      1. Mi auguro che continuino a rivisitare le storie di Conan Doyle: in fondo di materiale ce n’è ancora tanto!!!!!
        La figura di Magnussen cmq mi è rimasta abbastanza insipida. Forse non era necessario trovare per forza un super-villain, anche perchè di Moriarty ce n’è uno solo.
        Delle 3 puntate, infine, la migliore resta la seconda: strano, perchè nelle 2 serie precedenti la seconda era sempre stata la puntata più debole (almeno per me)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...