Z Nation – pilot

syfy-s-z-nation-unleashes-zombiesZombie di qua, zombie di là cosa accadrà, cosa accadrà? Negli ultimi anni la moda zombie si è velocemente diffusa in quasi tutti gli ambiti della cultura pop, dai libri, al cinema, fino alla tv. Sicurmente lo show di AMC The Walking Dead è il più conosciuto fra tutti i prodotti, ma come non dimenticare le due splendide serie tv inglesi Dead Set e In the Flesh (capolavori del genere), come non citare libri come World War Z (non citerò il film perché fa schifo), o film come 28 giorni dopo o Zombieland? Tutti prodotti molto buoni, che spesso usano gli zombie per metaforizzare qualcosa di completamente diverso (razzismo, massa di pecoroni, rapporti umani e via dicendo). Come ho scritto più di una volta, infatti, un buon prodotto Z è quello che usa gli zombie per comunicare qualcosa di completamente diverso. In questo panorama si inserisce Z Nation in onda sul canale SyFy e prodotto dalla Asylum (e con questi due nomi vi ho detto un po’ tutto, potrei chiuderla anche qui), che mi guarda direttamente in faccia e mi dice “vaffanculo, io gli zombie li uso per comunicare che sono zombie, me ne sbatto di quello che pensi te”…accettabilissimo, ma quale sarà il risultato?

Il risultato è un misto fra b movie ed action movie, molto politically scorrect e dove le interazioni umani sono tagliate al minimo. Come avviene spesso (o sempre) nei casi di Z-roba, l’introduzione è tagliata al minimo e il pubblico immerso sin da subito nell’apocalisse zombie. Qui ci ritroviamo addirittura a tre anni (o due, sta cosa è un po’ confusa) dal primo contagio zombie. Protagonista sembra essere un soldato americano (sembra perché di fatto schiatto alla prima puntata) interpretato da quello che pilotava gli overcraft sui due seguiti di Matrix. In contatto con lui da una base al Polo c’è un mingherlino del NSA (quello che faceva il protagonista in Un Ragazzo Tutto Nuovo) che si fa chiamare Citizen Z e mentre distribuisce ordini a casaccio, si getta anche nella conduzione di una Z-radio.
Il militare ha il compito di portare un tizio in un laboratorio in California. Il tizio è in realtà un condannato a morte al quale è stato somministrato l’unica siringata buona di vaccino contro gli zombie (cioè, ti mangiano comunque, ma non ti trasformi…forse). Nel viaggio incontra un accampamento ai quali chiede un passaggio e che dopo poco, ovviamente, viene attaccato dagli zombie. I sopravvissuti raggiungono la base, ovviamente attaccata dagli zombie, dove trovano un paio di superstiti e si rimettono in marcia…non prima che il militare venga divorato da un neonato zombie (nel senso di infante, non di appena trasformato).

z-nation4Tralasciando per un attimo il livello qualitativo di effetti speciali e riprese (molto basso), fra i punti di forza di questo show di sicuro c’è l’ignoranza…nel senso della brutalità con il quale tutto si svolge. Dall’omicidio (o grazia) della vecchina sul letto di morte, al bambino zombie (scena copiatissima da Zombie Self Defence Force), all’uccisione di quello che credevo essere il protagonista. La serie trasuda ignoranza sin dall’inizio e non smette mai. Fra i punti deboli, invece, c’è una totale sospensione dell’incredulità dello spettatore…ok ci troviamo in un’apocalisse zombie, ma tolto quello il resto dovrebbe essere plausibile…perché fanno partire un autobus pieno di ragazzini con uno zombie che saluta dal finestrino? Perché ci sono centinaia di zombie (apparentemente) morti distesi sulla riva del fiume, prendono il sole? Perché il bambino si è trasformato in zombie senza essere stato morso e visto che fino a un minuto prima piangeva a rotta di collo? Perché la gente fa quello fa per tutta la puntata? Domande alla quale non v’è risposta alcuna.
La serie si prefigura essere praticamente tutta così, a metà tra il b movie e il non sense. Seguirò qualche altra puntata e poi si vedrà, se non vedete una recensione conclusiva della prima stagione tra 13 settimane vorrò dire che anche io ho deciso di mandarla a cagare…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...