Cinecomics: perchè la Marvel vincerà sulla Dc?

4310086-4032907169-captaOrmai da parecchi anni le case cinematografiche hanno capito che tradurre in film le storie e i personaggi che un tempo – ma ancora oggi – albergano negli albi a fumetti, è una cosa piuttosto remunerativa. I film che vengono attualmente prodotti basandosi su personaggi Marvel o Dc, o di altre case fumettistiche, solitamente fanno incassi più che milionari in pochissimo tempo e, grazie alla serializzazione dei fumetti, è possibile tradurre un singolo film in una saga o, addirittura, in un universo completo. Proprio come stanno facendo la Casa delle Idee con il Marvel Cinematic Universe e il suo diretto concorrente con il nuovo Dc Cinematic Universe. La creazione, quindi, di due universi narrativi cinematografici, in cui vari personaggi si danno il cambio e presenziano varie pellicole e che, pur prendendo ispirazione dai personaggi nati sui fumetti, possono avere anche storie leggermente diverse dettata dall’appartenenza a un diverso universo narattivo…la base su cui si fonda il concetto di multiverso, che fa parte della cultura storia di entrambe le aziende del fumetto.

multiverse1Quella del multiverso è una teoria che parte dalla fisica, che vede la presenza di più universi coesistenti e alternativi al di fuori del nostro…universi paralleli, nei quali gli eroi dei fumetti sono a volte diversi, alternativi, simili ma non uguali e così via. Basti pensare alla Terra Z della Marvel, quella infettata dal virus Zombie e dove si svolge la maggior parte delle storie della saga Marvel’s Zombie; o ancora alla Terra 3 della Dc, nella quale buoni e cattivi sono invertiti. Tutto questo spiegone potrebbe sembrare che non serva a nulla, ma ci arriveremo.

Un po’ di storia

Già dagli anni ’60, comunque, le major videro nei personaggi dei fumetti qualcosa da poter sfruttare per raccontare delle storie. Tutti si ricordano la famigerata serie tv su Batman del 1966, con Adam West che vestiva i panni di Bruce Wayne. Una serie abbastanza lontana da quello che rappresenta oggi il Cavaliere Oscuro, ma che all’epoca magari rifletteva un fumetto che cercava di adattarsi ai palati dei bambini. Solo Frank Miller e altri autori molto più tardi riportarono Batman ad essere il Crociato di Gotham che conosciamo oggi. Un Batman decisamente migliore è arrivato al cinema nel 1989 grazie a Tim Burton e Michael Keaton, che ha dato vita a ben quattro film sull’uomo pipistrello, che sono andati decisamente in discesa. Negli anni ’90, però, è stato anche prodotto un penoso film su Spiderman, uno ancora peggiore su Capitan America e uno sul Punitore con protagonista Dolph Lundgren. Senza contare la serie infinita di film e serie tv realizzate su Superman. Ovvio che prima di questi sono venuti tanti altri film, già dagli anni ’40, ma non li cito per non essere troppo prolisso. I film non hanno il successo che ci si aspettava, colpa della mancanza di effetti speciali dei primi anni ’90 e anche della poco preparazione del pubblico a quel tipo di cose. La vera svolta arriva agli anni del nuovo millennio, quando al cinema arriva il film degli X Men prodotto dalla Fox che aveva acquistato i diritti dalla Marvel. E’ il successo! Di lì a poco arriva anche il film sui Fantastici 4 (sempre della Fox) e su Spiderman (della Sony). La Dc prova a riproporre la sua icona con Superman Returns, ma è un flop da capogiro probabilmente a causa di una trama tremenda e del fatto che gli sceneggiatori si ostinano a continuare una saga degli anni ’90, senza fare un cavolo di reboot. Intanto la Marvel, acquistata qualche tempo prima dalla Disney, ci prova e getta lì senza guardare bene un film su Hulk nel 2003, con un inguardabile Eric Bana, che difatti è un flop. Ma non si da per vinta, il tempo dei supereroi al cinema è arrivato, basta dargli solamente un tono particolare. Arriva così al cinema il film che di fatto inaugura il MCU, Iron man. Così tra capo e collo la Marvel sforna un film su uno degli eroi che da sempre gradisco di meno, ma la cosa funziona…tutti esultano. Da lì la Marvel capisce di aver fatto l’errore di cedere alcuni diritti per i suoi eroi più remunerativi, tra cui gli X men, che la Fox non teme di spremere come un limone anche a costo di aggiungere errori su errori alla continuità della saga, ma anche Spiderman che, però, sembra stia per tornare a casa.
L’avversaria Dc si difende con la trilogia del Cavaliere Oscuro di Nolan, che è un piccolo capolavoro, ma che dopo tre episodi non ha sbocchi e si chiude. La Dc commette il suo primo errore: aver rilanciato un suo personaggio con una saga senza pensare al futuro. A correggere il tiro, qualche tempo dopo, arriva Man of Steel, ottimo lungometraggio su Superman firmato da Zack Snyder, che ci costringe a dimenticare quell’orrida cagata di Brian Singer. Finalmente anche la Dc ha dato l’avvio a un suo universo supereroistico.

jpeg-4-mark-s-thoughts-of-the-marvel-cinematic-universe-from-worst-to-best

Ma allora, ci chiediamo, perché la Marvel pare sempre essere un passo avanti? Ha sceneggiatori migliori? Menti migliori? Probabilmente sì, ma il perché la Marvel cinematograficamente sarà sempre superiore alla Dc è spiegabile in soli due punti.

1. Programmazione

Non sono sicuro di alcune date, ma dovrebbe essere tutto corretto
Non sono sicuro di alcune date, ma dovrebbe essere tutto corretto

A partire dal 2008, anno di uscità di Iron man, la Marvel (senza contare altre case cinematografiche che possiedono dei diritti Marvel) ha fatto uscire almeno un film all’anno (escludendo il 2009, anno in cui non è uscito nulla). Almeno una volta l’anno, quindi, i Marvel Studios hanno trascinato le nostre stanche chiappe al cinema negli ultimi – quasi – sette anni. La programmazione è serratissima. L’ideale per la Marvel sembra essere riuscire a portare almeno due film all’anno al cinema. Giocare d’anticipo: lanciare i teaser un anno prima, poi i trailer, le immagini…aumentare l’hype, anche scoprendo i piani futuri fino al 2019, ma dichiarare con nonchalance che la Marvel ha tutto già programmato fino al 2028, così tanto per stare sicuri. Alcuni attori hanno contratti firmati per nove film consecutivi, come Sebastian Stan/Bucky Barnes.
Dall’altra parte la Dc se la prende come estrema calma, come un 90enne che guarda un giovane che corre e gli grida “Aspettami, fra poco ti riprendo”. Sono infatti passati ben due anni dall’uscita di Man of Steel e, per quanto il film sia andato bene ed era decisamente ben realizzato, la Dc ha un attimo appoggiato i piedi alla scrivania e ha acceso un sigaro…”Visto che bel film? Ora li riprendiamo quelli della Marvel, dammi solo un secondo per riprendere fiato”. Così mentre la Marvel brucia le tappe ed è praticamente alla conclusione della sua Fase II, la Dc trama nell’ombra e aspetta il 2016 (tre anni) per proseguire la sua storia con Superman V Batman, nell’impossibilità di fare un nuovo reboot dell’uomo pipistrello a pochi anni da quello di Nolan. Nel film faranno la loro apparizione anche altri membri della Justice League, che poi forse avranno o meno il loro film dedicato (forse). Uno spreco di tempo che sta facendo perdere terreno alla Dc, almeno sotto il profilo del cavalcare l’onda.

2. Continuity

super-hero-battle-for-tvA margine dell’elemento della programmazione, esiste poi quello della continuity, ovvero l’uniformità della storia che si propaga in tutta la serie e i film annessi (anche al variare dei personaggi). Ed ecco che nei film Marvel alcuni personaggi entrano, anche solo per un cameo, nel film di un altro o si ritrovano tutti insieme nel crossover che chiude la Fase I e a breve la Fase II. Sono convinto che nei film anche la Dc rispetterà l’idea di continuity, come ha sempre fatto nei fumetti, ma finché non esce almeno il secondo film del DCU non possiamo saperlo. Quello a cui mi rivolgo è ovviamente la parte fuori dai cinema, quella che vede coinvolto il piccolo schermo. Accanto al grande piano strutturato fino al 2028, infatti, la Marvel ha posizionato strategicamente una coltre di serie tv con diversi scopi. Principalmente quello di generare un seguito su più fronti, dal cinema alla tv, coprendo così più spazi e avendo modo di rendere tridimensionale un mondo unico. Le serie della Marvel, infatti, si intersecano con i film dando l’idea – e così è – di seguire un solo filone narrativo che si intreccia più volte e costruisce un universo. Attualmente le serie sono due (Agents of SHIELD e Agent Carter), ma presto diventeranno quattro, con l’introduzione di A.K.A. Jessica Jones e Daredevil (alle quali si dice faranno seguito altre due basate su Luke Cage e Pugno d’Acciaio, che poi confluiranno su un’unica serie: I Difensori). Le serie tv Marvel funzionano come i tie-in nei fumetti: storie complementari che non servono a seguire la saga principale, ma la arricchiscono di personaggi e particolari.
Dall’altra parte anche la Dc nel tempo ha dato vita a ben quattro serie: Arrow (capostipite), The Flash, Costantine e Gotham. Bella mossa…peccato che solo le prime due siano in continuity l’uno con l’altra, mentre Costantine si svolge in un diverso universo narrativo e Gotham in un altro ancora. Ma non è tutto, le due serie di punta (Arrow e Flash) non faranno neanche parte della continuity totale e già in Batman v Superman (forse) si vedrà un diverso Barry Allen, rispetto a quello della serie tv, che avrà anche un suo film nel 2018. Perché creare una serie basata su due supereroi, che fanno parte o potrebbe far parte, della JLA se poi si è costretti a crearne di nuovi? Perché io, ipotetico fan della Dc o del fumetto in generale, dovrei seguire le due serie – cosa che comunque faccio – se poi nei film ci sarà un diverso Flash con una storia diversa? Perché all’interno delle serie vengono comunque presentati altri supereroi come Atom e Firestorm se poi non potranno far parte della continuity ufficiale cinematografica mai e poi mai nella stessa veste? Tutte domande senza risposta, ma che ci fanno comprendere quanto possa essere frastagliato l’universo narrativo della Dc fuori dai fumetti, con film e serie che parlano degli stessi personaggi, ma con storie diverse, e un universo che non sarà mai così tridimensionale e fluido come quello Marvel. Ecco perché nel mondo cinematografico la Marvel vincerà facilmente sulla Dc, anche se dovesse realizzare film migliori.

Annunci

8 pensieri riguardo “Cinecomics: perchè la Marvel vincerà sulla Dc?”

  1. Bellissimo articolo davvero, sono un grande appassionato di fumetti e conosco perfettamente entrambe le case (Marvel e DC) e ovviamente mi appassionano questi progetti cinematografici che stanno portando avanti. Ci sarebbero tantissime cose da dire ma vorrei approfondire 3 punti:
    1) Cancella pure i vari “forse” che hai scritto 🙂 I futuri film sui singoli personaggi DC si faranno e saranno tutti collegati tra loro (forse Suicide Squad, si vociferava che potrebbe essere escluso ma sarebbe l’ennemiso autogol della DC quindi speriamo di no), le serie Marvel che seguiranno Daredevil sono anche quelle ufficializzate e sono già in pre-produzione. in generale comunque il calendario che hai postato è ufficiale e salvo imprevisti direi che è attendibile al 99.9% (tranne la parte relativa a Spider-man che con tutti i casini che sta avendo la Sony non ci sono certezze sui suoi piani futuri);
    2) Può sembrare una piccolezza ma in realtà la dice lunga: i Marvel Studios sono stati comprati dalla Disney molto dopo la nascita del MCU. L’Hulk di Ang Lee (quello con Eric Bana) è stato fatto dalla Universal, i diritti ce li avevano loro ancora, il primissimo film Marvel Studios è Iron man ed è stato fatto in completa autonomia senza il colosso Disney alle spalle. Credo sia importante ricordarlo perché la DC ha sempre avuto il “culo” parato dalla Warner Bros ma in tutti questi anni a parte i vari Superman e Batman non è stato prodotto niente di significativo mentre la Marvel ha fatto una enorme scommessa correndo un ancora più grande rischio finanziandosi il primo Iron Man senza nessuna certezza del suo successo. Si può dire quello che si vuole sulla qualità dei film ma a livello amministrativo sta dando lezioni ai più navigati Warner e Fox.
    3) Concordo al 200% su quello che hai detto sulle serie DC scollegate dai film, questa è la cosa che fa più inca**are di tutte! Ok, ora la DC si è fatto il suo piano cinematografico (discutibile comunque, sembra abbiano buttato giù nomi e date a caso) a livello televisivo però è molto ben consolidata e sta avendo un enorme successo di critica e pubblico…perchè diavolo non hanno collegato il tutto? Sarebbe stato un enorme passo avanti per loro invece hanno scollegato cinema e tv (e anche le serie tv tra loro). Il bello è che escluso Flash in TV vediamo personaggi “minori” che non vedremo mai al cinema come Freccia Verde, Atom, Firestorm e tutti i villain annessi per non parlare delle future serie su Supergirl e Teen Titan. Di contro, al cinema ci saranno personaggi che non appariranno mai in televisione ovvero Superman, Batman, Wonder Woman, Lanterna Verde…cioè a questo punto perchè non sommare i due universi? Persino Gotam poteva essere collegato mostrando il passato del Batman che vedremo interpretato da Ben Affleck al cinema (visto che verrà introdotto così all’improvviso senza una storia potevano usare la serie come una sorta di origini). La DC sta andando avanti un po a tentoni come se cercasse esclusivamente di superare la Casa delle Idee invece di pensare a cosa vogliono/possono veramente fare.
    Quindi sono d’accordo con te su tutto, la Marvel sta vincendo e continuerà a farlo anche in futuro!
    Complimenti ancora per l’articolo 😉

  2. Come ben sai della DC non mi interesso affatto anche se avevo sperato potessero inventarsi un’alternativa alla Marvel magari seguendo un piano più orientato alle serie televisive e meno ai film (io ci avrei provato almeno sarebbe stata un’alternativa) purtroppo sembra che non sarà così.
    Che Costantine non sia in continuity è l’ultimo dei problemi, tutto sommato si tratta di un personaggio più atipico, sugli altri errori non commento nemmeno perchè sembrano colossali.
    Quello che mi preoccupa invece attualmente della Marvel non risiede nell’acclamato MCU ma quello che succede nei fumetti. Purtroppo sembra che il successo filmico abbia spostato il baricentro della Casa delle Idee. Il nuovo pubblico è quello cinematografico, si cercano sistemi per convertirlo in pubblico fumettistico, sembra insomma che la gerarchia Fumetto->Cinema sia in controtendenza. Sono poi ancora più spaventato dall’imminente cataclisma che si sta per abbattere sull’Universo Marvel.
    Le mie fobie nascono dalla personale convinzione di una superiorità creativa del fumetto nei confronti del cinema (almeno nel caso specifico dei Cinecomics) e questo ribaltamento delle posizioni, nato da evidenze economiche, posso solo che nuocere al reparto fumetto.
    E scusate il pippone 🙂

    1. Secret Wars si presenta come una delle più abominevoli scelte della casa delle idee. Il tutto subordinato all’universo cinematico. Non mi sorprenderei della eliminazione dei F4 dall’universo fumettistico causa diritti cinematografici della Fox, stessa sorte che potrebbe toccare ai mutanti che però sono troppo importanti ma potrebbero indirizzarsi verso una svolta “inumana”. Lo stesso Spidey rischia il pensionamento in favore del giovane Miles Morales, unico che sopravvirebbe all’Ultimate universe. Tutto questo colpa di Sony? Forse. Questo cambio di tendenza è comprensibile e visibile partendo dai guardiani della galassia che iniziano ad avere fin troppe serie in stampa.

      1. Vero, secret wars rischia di creare il panico, facendo fuori personaggi piuttosto importanti. Anche, se non ha capito male, mi pare di capire che i F4 stiano vendendo veramente poco. Una serie che da sempre è stata più scientifica che supereroistica, almeno paragonata con le altre. Attualmente non so dire se le mosse fumettistiche dalla marvel pagheranno…so solo che se fanno fuori Parker per me sono out 🙂

    2. Concordo al 100%
      I fumetti Marvel stanno diventando una versione cartacea dei film quando invece dovrebbero essere i film a prendere spunto dalla altissima qualità dei fumetti. Purtroppo io ho abbandonato molte delle testate Marvel (quelle più centrali del MU) perché ormai la qualità è calata vertiginosamente quindi se da una parte abbiamo un immenso universo cinematografico dall’altro abbiamo un universo cartaceo che sta andando verso il delirio e Secret Wars non so quanto potrà aiutare…anzi probabilmente la useranno come scusa per “allineare” ancora di più l’universo e i personaggi con quelli del grande schermo…

      1. E comunque a me Constantine sta piacendo un sacco. Cerano alcune (molte) cose da sistemare come qualsiasi altra serie agli esordi (basta pensare alla prima stagione di Agents of SHIELD) ma le potenzialità c’erano tutte…spero che la rinnovino per una seconda stagione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...