Run All Night – una notte per sopravvivere

Run All NightOggi come oggi se una produzione ingaggia Liam Neeson come attore principale, sai già a che film stai andando incontro. Un tempo non era così, però, un tempo Neeson ha ricoperto ruoli da protagonista che non prevedevano lo spara-spara o le cacce all’uomo. Liam Neeson è forse l’unico attore che è diventato un’icona action solo dopo essersi invecchiato. Ha fatto, quindi, il percorso inverso di tanti altri attori hollywoodiani. Oggi se qualcuno vi chiede di andare a vedere un film con Liam Neeson, la prima domanda che vi viene in mente è: “Quale torto gli avranno stavolta?”

Run All Night, per nostra sfortuna, non si allontana da questo cliché del Liam Neeson moderno, che ormai sembra essere diventato un genere a se stante e il cui soggetto può essere riassunto in: un ex-[inserire_professione_pericolosa] si ritrova invischiato in una brutta situazione, il capo dei cattivi decide di [rapire/uccidere/minacciare] suo/a [inserire_grado_di_parentela] e così lui è costretto a tornare in azione per ammazzare tutti. Da qui in avanti la storia si scrive da sola. Jaume Collet-Serra, il regista di questo film, sembra essere un vero esperto in materia, visto che solo l’anno scorso girò un film simile sempre con Liam Neeson come protagonista, tanto che qualcuno si è iniziato anche a chiedere se questo Run All Night non fosse semplicemente il titolo italiano di Non-Stop. Invece no, sono due film diversi, con lo stesso regista e lo stesso attore.
Stavolta a finire nei pasticci è il figlio di Neeson, con il quale lo stesso protagonista non parla da diversi anni. Liam è un ex sicario della mafia e per questo il figlio si è allontanato da lui. Quando assiste a una strage scatenata dal figlio del boss per il quale lavorava il padre, però, finisce nei guai e per salvarlo Liam uccide il figlio del boss, che vorrà vendicarsi su suo figlio.

800dca70-e34a-11e4-a900-555e662700c2_Run-All-NightUn intrigo di padri e figli niente male, ma che alla fine si traduce nel solito scappa-scappa, spara-spara in stile Liam Neeson. Per quanto la pellicola sia godibile e ben realizzata (se non si contano quelle perle di regia digitale di Collet-Serra, che non fanno altro che sfastidiare il pubblico), non si può fare a meno di notare che la trama è debole e infarcita di cliché, oltre che para-para a quella di tanti altri film con Liam Neeson. Il protagonista, tra le altre cose, è anche un alcolizzato e all’inizio del film notiamo quanto possa essere confuso e deboluccio…con una pistola in mano, però, torna l’uomo più lucido di sempre.
La pellicola rasenta la sufficienza, senza mai andare troppo oltre.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...