Ant man

Ant-Man-MovieEd eccoci finalmente a recensire l’ultimo film supereroistico di questo 2015 (credo), visto che non ho molta voglia di vedere una pellicola sui Fantastici 4 in cui Reed Richards e Ben Grimm sono tipo due ragazzini, la Jhonny Storm è un afro-americano mentre sua sorella Sue è bianca (credo che abbiano risolto la faccenda, dicendo che Sue in realtà è adottata…così, a cazzo) e il Dottor Destino è una specie di robot proveniente dalla Zona Negativa (una fusione tra Destino e Annhilator, mi pare di capire). Ant man è comunque l’ultima pellicola Marvel del 2015 e prima della Fase III della Casa delle Idee, che ha chiuso il suo secondo atto con l’arrivo di Ultron. Per vedere il continuo della saga del MCU dovremmo aspettare aprile 2016 con Civil War e lo stesso vale per il DCU che si riprensenterà nello stesso anno con Superma v Batman.

Facciamola breve e diciamo subito che Ant man è la storia di un nuovo supereroe per l’universo cinematografico dei supereroi Marvel: Ant man, appunto, con il potere di rimpicciolire le sue dimensioni a quelle di una formica. Protagonista della pellicola è un giovane Scott Lang (Paul Rudd), ingegnere meccanico e ladro, che appena uscito di prigione cerca di riconquistare l’amore della figlia, ma senza un lavoro è dura. A fornirgliene uno sarà Hank Pym (Micheal Duglas), scienziato in pensione che negli anni ’80 aveva creato una tuta in grado di rimpicciolirlo, per poi nasconderla al mondo (o meglio allo SHIELD). Quando la sua vecchia azienda, ora comandata da Darren Cross (Corey Stoll) sta per replicare la sua scoperta, lui si allerta e chiede a Scott di diventare Ant man e distruggere tutti i dati su quella tecnologia.

Ant-Man-se-enfrenta-a-Yellowjacket-en-un-nuevo-trailer-01Iniziamo subito col dire che il film, ovviamente, è piuttosto piacevole. Nonostante un primo tempo un po’ troppo “chiacchierato”, il film scorre piacevolmente fra le solite risatine Marvel-style e l’azione che caratterizza i film supereroistici. Di passaggio anche qualche sentimento, soprattutto quando Hank ricorda la morte della moglie Janet/Wasp, che si sacrificò durante una missione. Prevedibile, comunque, che il film avrebbe mantenuto gli standard di gradimento della Marvel, anche grazie a qualche commistione con i precedenti capitoli (il cameo di Falcon e della base degli Avengers o la comparsata iniziale di Howard Stark e l’agente Carter in un Triskelion dello SHIELD ancora in costruzione – lo abbiamo visto distruggersi in Winter Soldiers). Oltre a queste, però, le piccole curiosità del film che ci portano dentro i fumetti e nel futuro della Marvel sono tantissime. Iniziamo col parlare della cosa che per tutto questo tempo mi sono chiesto: perché usare come Ant Man Scott Lang e tralasciare Hank Pym, primo e vero Ant Man della storia fumettistica? Pym e sua moglie Janet Van Dyne – nei fumetti – erano presenti al recupero di Cap dalle acque del Polo, erano nel primissimo team dei Vendicatori insieme a Hulk, Thor e Iron man, lo stesso scienziato è responsabile della creazione di Ultron. Al cinema, però, la figura di Pym viene un po’ relegata a quella di scienziato vecchio e di ex eroe sconosciuto degli anni 80, lo stesso si dica per Janet che tra le altre cose è anche morta. Nei fumetti Scott arriva solo in un secondo momento, quando Pym non può più indossare la tuta a causa dei suoi problemi di cuore.
Altra cosa importante che viene detta di sfuggita durante il film, si trova quasi alla fine, quando Falcon – voglioso di una rivincita su Ant Man – chiede in giro di gente con strani poteri e gli viene detto, che in giro c’è di tutto, anche uno che si arrampica sui muri. Ovvio riferimento all’uomo ragno, che sarà presente sul prossimo film della Marvel in versione molto giovane. Lo stesso era accaduto su Captain America: Winter Soldier, quando di sfuggita viene fatto il nome di Stephen Strange, sugli schermi nel 2018 (mi pare).

Scena extra: nella classica scena dopo i credits, vediamo Pym donare a sua figlia Hope Van Dyne (perché porti il cognome della madre è un mistero) una nuova tuta da Wasp

Fan Fact: il cattivo di questa pellicola Darren Cross/Calabrone è interpretato da Corey Stoll, lo stesso attore che interpreta Ephraim in The Strain. Nell’ultimo episodio USA della serie di Guillermo Del Toro, il personaggio si rasa a zero per “camuffarsi” e in Ant man lo troviamo completamente pelato. Il travestimento in The Strain è stato reso necessario dal fatto che per interpretare Cross l’attore avrebbe dovuto rasarsi??

Annunci

3 pensieri su “Ant man”

  1. Sinceramente ho trovato questo film Marvel, il film Marvel più Walt Disney che abbia visto fino ad ora! Leggo solo critiche positive, quindi mi rimane difficile parlarne male, ma personalmente l’ho visto solo e soltanto per completare tutti i film Marvel della fase I e II in quanto Ant-Man quello originale, ossia Hank Pym, non l’ho mai sopportato e ho letto da qualche parte, che la Disney inizialmente doveva portare Hank nei panni di Ant-Man …poi quando hanno visto che il personaggio in questione era, nell’ordine: un compagno manesco con la moglie, un depresso con problemi di autostima altissimi, un frustrato pronto a mettere in pericolo gli stessi Vendicatori con i suoi cambi di umore ecc. ecc. hanno deciso che era meglio Scott Lang….e hanno deciso di fare il film con un impronta degna del migliore Toy Story la scena finale nella cameretta ne è la prova!….speravo che le Disneyate nei film Marvel si fermassero a Iron Man 3 …invece mi sbagliavo e alla grande!….tremo per Star Wars!!

    1. Eh si, hai ragione. Io, sinceramente, avrei preferito Pym proprio perché è un personaggio più controverso. È vero che picchia la moglie, ma fumettisticamente parlando è anche il creatore di Ultron. Inoltre si ritrova spesso ad essere in disaccordo con i Vendicatori. Era un personaggio “migliore”, secondo me.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...