Archivi categoria: Comics

Constantine – season 1 finale

NUP_165540_4382-700x400Per non accumulare troppe cose, oggi mi dedico alla recensione della prima stagione di Constantine, ispirata al fumetto della Dc e trasmessa in America dalla NBC. Probabilmente Constantine è stata la serie tv più sottovalutata di tutta la stagione autunnale, anche dai suoi stessi sceneggiatori, che avevano a disposizione un cast veramente interessante e un personaggio che avrebbe potuto spaccare di brutto, ma che hanno usato solo fino a un certo punto. Il futuro della serie è attualmente incerto, ma c’è anche da dire che la stessa NBC poteva impegnarsi un po’ di più, perché sembra che Constantine sia l’unico personaggio tratto da un fumetto a non riscuotere successo…sembra. Continua a leggere Constantine – season 1 finale

Annunci

I Guardiani della Galassia

GuardiansOfTheGalaxy2Già definito da molti come il miglior film Marvel finora prodotto, è uscito con qualche mese di ritardo nelle sale italiane, che ovviamente d’estate propongono solo film che puntano al ribasso, mentre lasciano i film da pienone al botteghino quando inizia a fare freddo. La pellicola introduce un nuovo gruppo nel mondo MCU (Marvel Cinematic Universe), oltre a una grande varietà di personaggi che per un motivo e per un altro ritroveremo nei futuri film del filone o che comunque sono legati a stretto giro con la storia editoriale Marvel. Il film, inoltre, da un nuovo slancio alla Fase II del MCU e sotto molti punti di vista è effettivamente uno dei più interessanti mai prodotto finora. Mi scuso anticipatamente, ma il pezzo sarà un po’ più lungo di quelli che di solito faccio su questo blog (che di solito sono corti perché i canoni di scrittura-lettura su internet sono questi, non perché non abbia voglia di fare cose lunghe), perché vorrei un po’ dilungarmi sui personaggi e sulle novità introdotte nel film e fare per quanto possibile un raffronto con l’universo fumettistico, che sia d’aiuto al neofita del fumetto o a chi ne è totalmente a digiuno per capire le probabili scelte future dell’universo cinematografico della Marvel. Continua a leggere I Guardiani della Galassia

10 supereroi diventati cattivi

downloadIn un mondo immaginario a un uomo vengono donati dei poteri o delle abilità particolari che può usare per fare del bene o del male. Cos’è che determina il cammino che sceglierà? La sua infanzia, il modo in cui ha ricevuto i poteri, gli ordini che gli vengono imposti o una particolare attitudine al bene o al male? Nel fumetto supereroistico dietro questa scelta c’è, spesso e volentieri, una traccia legata all’infanzia e alla crescita. Basti guardare le origini di eroi come Superman, l’uomo ragno o Capitan America o di villain come il Dottor Destino o Darkseid. Ma la realtà, anche nei fumetti, non è sempre bianca o nera, ma ricca di sfumature. Capita quindi che un personaggio come Wolverine, con un passato segnato dal tragico e dal sangue, si ritrovi a essere uno dei più grandi supereroi del mondo Marvel, o che un uomo che ha avuto tutto come Lex Luthor diventi uno dei più grandi villain di tutti i tempi della Dc. La verità è che il confine tra l’essere un supereroe e l’essere un supervillain è sottile: la Marvel ce l’ha dimostrato sin dalle origini dell’uomo ragno, eroe visto dalla stampa come un criminale. A volte, però, capita che un supereroe possa diventare del tutto un supervillain e superare quel confine che divide i due mondi immaginari. Quali sono state le trasformazioni migliori nell’universo fumettistico? Continua a leggere 10 supereroi diventati cattivi

I 10 supereroi più inutili di tutti i tempi

japanese_banana_man_gif__click__by_callmelyra-d6q60bdVolevo completare la lista dei supervillain dei fumetti inserendo la classifica dei migliori cattivi della DC, ma prima sono riuscito a portare a termine una classifica alla quale sto lavorando da tempo…una lista di 10 personaggi che si configurano come i peggiori e più inutili supereroi della storia del fumetto. Chi legge fumetti o anche chi ne ha sentito parlare sa che ogni personaggio ha un suo potere particolare o più di uno, qualcosa che lo rende speciale e quindi in grado di dare un contributo nel salvare il pianeta. Volendo citare qualche esempio famoso possiamo prendere il fattore di guarigione, gli artigli e lo scheletro di adamantio di Wolverine per la Marvel o la forza, il volo, l’udito e i raggi di calore di Superman per la Dc. Se non hanno superpoteri, in alternativa, i personaggi possono contribuire in altro modo, con abilità di combattimento, gadget o genialità, vedi per questi esempi Iron man e Batman. Altri, invece, sono del tutti inutili se non dannosi e partoriti da qualche mente contorta. Continua a leggere I 10 supereroi più inutili di tutti i tempi

I 10 villain Marvel più fighi di tutti i tempi

uploads_695f89a3-ef6c-4cdb-95ee-034ce1a0bf96-Spider-Man_Villains_1_In un’epoca nella quale anche chi non si è mai filato i fumetti in vita propria, si avvicina al mondo dei supereroi Marvel e Dc grazie al cinema, è sempre più intensa la discussione che si genera su questo o quell’eroe, ma anche sui supercattivi che ci si trova spesso a fronteggiare. Non è raro (almeno per me) ritroviamo a fare una discussione su quale eroe le darebbe a chi o su quale villain è più figo dell’altro. Dopo l’uscita di Captain America – The winter soldier, inoltre, per il mondo dei cattivi pare essere nata una vera e propria passione, grazie al motto “Hail Hydra”, dal quale si sono generati meme in quantità industriale (compreso quello realizzato da me che campeggia sulla pagina facebook di questo blog). Ma quali sono tuttavia i vallain più fighi di sempre della Marvel? Domanda bastarda, 1 perché abbastanza soggettivo e 2 perché sono veramente tanti. Ecco quindi i 10 cattivi che preferisco dell’universo della Casa delle Idee…non i più potenti, solo i più fighi. Continua a leggere I 10 villain Marvel più fighi di tutti i tempi

Gipi – Unastoria

mainC’è chi lo identifica come una cosa per bambini, c’è chi lo snobba perché i libri fanno più intellettuale, c’è chi preferisce guardarsi un film. Il fumetto e la graphic novel hanno avuto tanti appellativi, subito tanti snobbismi, per lo più da persone che non hanno mai preso in mano un fumetto o letto una graphic novel. Sì sa già da tempo che è l’ignoranza che crea l’intolleranza, ma le barriere possono cadere e la conoscenza può creare nuova consapevolezza. Io leggo fumetti da tutta una vita ormai e sono abituato al loro incedere. Negli anni anche le graphic novel mi hanno appassionato non poco, da ultime quelle pubblicate da Zerocalcare, ed è stato proprio leggendo un suo post su facebook che mi sono avvicinato a questo Unastoria di Gianni Pacinotti, in arte Gipi. Una graphic novel così bella e intensa che l’ho divorata in pochissimo tempo. Se pensate che solo un buon libro possa farvi venire la pella d’oca e crearvi una sensazione di calore all’interno del petto, vi sbagliate di grosso e questa graphic novel ne è la prova. Continua a leggere Gipi – Unastoria

The Walking dead – dal fumetto alla serie

finaleLa settimana scorsa ho commesso un erroraccio. Ho fatto il pezzo sul middle season di TWD non sapendo che in realtà il vero middle season c’era questa settimana. Errore mio, alzo le mani. Beh, visto che la maggior parte delle cose sulla quarta stagione le ho già scritte la settimana scorsa, mi limiterò a dire che il middle season di quest’anno è una vera figata. Prigione distrutta, gente sparsa ovunque, gente che muore, ragazzini che sparano, Daryll che fa uccisioni da 1000 punti…roba forte insomma. Per discolparmi dalla grande tranvata che ho preso la settimana scorsa, quindi, propongo questo pezzo sulle differenze tra fumetto e serie tv. Partiamo dal fatto che non elencherò tutte le differenze o qui ci stiamo anni, ma solo quelle a mio parere più rilevanti che cambiano nettamente i connotati delle due opere. Su The Walking Dead, soprattutto ultimamente, sono state dette tante cose: “ma che mmerda”, “pare una telenovela”, “pochi zombie” e roba varia. Beh, a questi puristi della menata di minchia dico solamente che TWD, fumetto e serie, non nascono e non vogliono essere delle opere incentrate sugli zombie, ma sulla gente e i suoi cambiamenti in una situazione di emergenza. Se c’era un attacco alieno era più o meno la stessa cosa, peccato che la forbuta di copiare il plot fatta da Falling Skies sia venuta fuori una merda. Quindi, se non vi piace non ve la guardate, nessuno vi obbliga. Ci sono gli zombie, c’è la gente anche importante che muore e ci sono i drammi umani, a me piace. Ultima avvertenza prima di iniziare: il pezzo che segue contiene spoiler fino alla 4×08, quindi se non siete in pari proseguite a vostro rischio e pericolo. Via alle differenze principali. Continua a leggere The Walking dead – dal fumetto alla serie

Le sette donne del Lucca Comics 2013

lucca comics 2013Lucca ogni anno è caos, fumetti, videogiochi e spese folli, ma cosa che credo pochi sappiano è anche mostre, gallerie e spazio a discussioni sul fumetto in generale. Lungi da me fare una differenziazione fra fumetto autoriale, manga e qualsivoglia altra cosa, stesso si dica fra partecipante attirato dal manga o dal comics americano o dal videogioco (anche se avrei qualcosa da ridire su quelli che vengono a Lucca per “incontrare gli youtubers”…ma forse ne parlerò più avanti). Quello che mi premeva dire qui è che girovagando fra le tante mostre allestite per il Lucca Comics 2013, mi sono imbattuto in qualcosa di veramente originale e ben fatto: una mostra all’interno della Prefettura (accanto allo stand Junior, quindi anche abbastanza nascosta) dove veniva spiegato il senso della locandina di quest’anno e il tema che ne derivava. La locandina (qui accanto) ci riporta un po’ al mondo dei GDR on line, o MMORPG, ma quello che veramente sta a significare è il collegamento fra comics, videogiochi, moda e donne. Le donne, infatti, sono al centro del tema del Lucca 2013. La donna che rivoluziona il mondo delle donne, spesso messe in disparte e solo negli ultimi anni riconosciute a pieno all’interno del panorama nerd (prevalentemente popolato da uomini). Ed ecco che la donna fumettistica anticipa temi fondamentali nell’emancipazione femminile e cambia i preconcetti su di essa. Ecco, quindi, le sette donne scelte dal Lucca Comics 2013 per rappresentare “le donne che scardinano il concetto di donna”. Continua a leggere Le sette donne del Lucca Comics 2013

Dodici – Zerocalcare

8179r9NEOXL._SL1500_Dice che ormai Zero lo conoscono pure quelli che non hanno mai letto un fumetto in vita loro. Dice che Zero nel frattempo è stato eletto come salvatore del fumetto made in Italy. Beh, cazzarola, un motivo ci sarà. Quando qualche mese fa recensii il suo precedente Ogni maledetto Lunedì su due, feci un discorso ben preciso su Zerocalcare e la sua idea di fumetto: fa ridere (a vagonate), ma soprattutto fa riflettere. Michele 1(vero nome di Zero) ha questo talento nella vita e lo sfrutta dannatamente bene. Lui disegna, si inventa le storie e le promuove. Ti fa dei richiami alla sua e nostra gioventù, quella di chi è nato negli ’80 ed è cresciuto volente o nolente a merendine, cartoni animati giapponesi e videogiochi in Sala Giochi (che almeno negli anni ’90 erano un punto di ritrovo per tanti ragazzini, mica come ora che se ne stanno chiusi dentro a casa ad ammazzarsi di playstation). Ti fa ridere come non ridevi da tempo, perché fra ricordi d’infanzia, battute in romanesco e personaggi stereotipati c’è anche il posto per una lacrima da troppe risate. Poi mentre ridi come un deficiente nel tuo letto, fra capo e collo ti piazza la mazzata: quella che senza interrompere il ritmo del fumetto ti costringe un attimo a pensare e magari a dire “è proprio vero, cazzo”. Continua a leggere Dodici – Zerocalcare